Iva, omesso versamento e frodi: la parola alla Corte Ue

tasse-370x230Per i reati in materia di Iva la Corte europea aveva imposto ai giudici italiani di non applicare la prescrizione. La Corte costituzionale non ci sta e ha fatto di nuovo ricorso alla Corte di Lussemburgo.

Omesso versamento e frodi in materia di Iva: sempre più confusione e incertezza sulla prescrizione per coloro che si trovano ad essere accusati di questi reati. Adesso si dovrà attendere una nuova pronuncia della Corte di Giustizia dell’Ue

continua a leggere l’articolo su laleggepertutti.it

Depenalizzazione: via libera del Governo

eraser-795768_1280Approvati definitivamente i decreti sulla depenalizzazione. Solo sanzioni amministrative e civili per ingiuria, danneggiamento, atti osceni e molti altri reati di lieve entità. Rinviati gli interenti su immigrazione clandestina e mancata segnalazione antiriciclaggio.

Questa mattina il Governo ha dato il via libera definitivo ai due decreti che prevedono la depenalizzazione di molti reati, trasformati in illeciti amministrativi. Confermata la depenalizzazione di ingiuria, danneggiamento, atti osceni, falso in scrittura privata, omesso versamento INPS fino a 10.000 euro. Restano le sanzioni penali per l’immigrazione clandestina, la mancata segnalazione antiriciclaggio e gli schiamazzi e rumori molesti

leggi l’intero articolo su laleggepertutti.it

Depenalizzazione: tutti i reati abrogati

È ufficiale l’elenco demanettei reati depenalizzati: oltre all’ingiuria, agli atti osceni e alle falsità in scritture privata viene depenalizzato anche il danneggiamento. Nessuna abrogazione per minaccia ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

Sono stati pubblicati i due schemi di decreti sulle depenalizzazioni approvati dal Governo lo scorso venerdì…

leggi l’articolo su laleggepertutti.it

Depenalizzazione: cosa cambierà davvero?

Il Governo ha dato il via libera all’attesa depenalizzazione; alcuni reati saranno puniti con una sanzione amministrativa, mentre per altri sarà prevista una sanzione civile insieme al risarcimento del danno. Le novità più rilevanti per l’ingiuria e l’omesso versamento di ritenute previdenziali.  chain-297842_640

Ridurre il carico di lavoro dei tribunali e rendere più efficaci le sanzioni: questi sono i risultati che secondo il Governo dovrebbero essere raggiunti con la depenalizzazione appena approvata. Sarà così? Cosa cambierà davvero e come?

leggi l’articolo su laleggepertutti.it

Reati tributari: verso l’addio alla doppia sanzione penale e amministrativa?

Agenzia_EntrateCominciano a farsi sentire sui Tribunali italiani gli effetti della sentenza “Grande Stevens” con cui la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito l’illegittimità della doppia sanzione penale e amministrativa per alcuni reati (…)

Leggi il resto dell’articolo su laleggepertutti.it

Omesso versamento di ritenute: senza CUD non c’è reato

cud-fotogramma_258L’omesso versamento delle ritenute non è reato se il datore di lavoro non ha consegnato il CUD al sostituto d’imposta, anche se le ritenute risultano dal modello 770 (…)

Leggi il resto dell’articolo su laleggepertutti.it

Omessa IVA: soglia più alta per il reato, ma solo fino al 2011

calcoloUna sentenza della Corte costituzionale ha stabilito che l’omesso versamento IVA relativo ai periodi d’imposta precedenti al 2010 è reato solo l’importo non versato supera la soglia di 103.291,38 euro (…)

Leggi il resto dell’articolo su laleggepertutti.it

Fatture per operazioni inesistenti: non basta la doppia contabilità

fattureIl reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti richiede la prova dell’inesistenza delle prestazioni e dell’accordo fra l’emittente e il destinatario delle fatture per ottenere benefici fiscali (…)

Leggi il resto dell’articolo su laleggepertutti.it

Reato di omesso versamento ritenute previdenziali INPS: rischi e difesa

Inps pensione cartelle previdenziali istituto nazionale previdenza socialeDOMANDA: Sono un imprenditore: ho ricevuto un decreto penale di condanna per omesso versamento delle ritenute previdenziali all’INPS. Cosa rischio? Come posso difendermi? 

Leggi la risposta nel resto dell’articolo su laleggepertutti.it