Iva, omesso versamento e frodi: la parola alla Corte Ue

tasse-370x230Per i reati in materia di Iva la Corte europea aveva imposto ai giudici italiani di non applicare la prescrizione. La Corte costituzionale non ci sta e ha fatto di nuovo ricorso alla Corte di Lussemburgo.

Omesso versamento e frodi in materia di Iva: sempre più confusione e incertezza sulla prescrizione per coloro che si trovano ad essere accusati di questi reati. Adesso si dovrà attendere una nuova pronuncia della Corte di Giustizia dell’Ue

continua a leggere l’articolo su laleggepertutti.it

Nessun reato per droghe inserite nelle tabelle tra il 2006 e il 2014

cannabisLe Sezioni Unite della Cassazione confermano che non è reato la detenzione o spaccio di droghe che erano state inserite nelle tabelle ministeriali con la legge Fini-Giovanardi e prima delle nuove tabelle del 2014…

Leggi l’intero articolo su laleggepertutti.it

Droga: prescrizione più breve e pene più alte per i fatti di lieve entità

01-droghePer i fatti di lieve entità si abbrevia il termine di prescrizione, ma si torna alla pena unica per droghe “leggere” e “pesanti”.

La Corte di Cassazione ha recentemente chiarito i dubbi sulle conseguenze pratiche della recente pronuncia di incostituzionalità della legge “Fini-Giovanardi” che aveva parificato le pene previste per lo spaccio di droghe “leggere” e “pesanti”.
I dubbi riguardavano soprattutto l’applicabilità del decreto legge “svuota carceri” (d.l. n. 146/2013) che aveva provveduto ad abbassare la pena prevista per i fatti meno gravi, oltre a ridurne il termine di prescrizione, ma stabilendo pur sempre pene uguali per tutti i tipi di sostanze.

Con la sentenza n. 397 depositata lo scorso 5 marzo la Cassazione ha affermato l’applicabilità della nuova legge non solo ai fatti successivi all’entrata in vigore (23 dicembre 2013), ma anche ai fatti precedenti qualora ciò comporti la prescrizione del reato o comunque un trattamento più favorevole per l’imputato.

II quadro attuale della pene previste per chi viene colto in possesso o nell’atto di cedere o acquistare droga per uso non esclusivamente personale (art. 73 d.P.R. n. 309/1990) è quindi il seguente:

casi di maggiore gravità:
– droghe “pesanti”: reclusione da 8 a 22 anni e multa da € 25822 a € 309874;
– droghe “leggere”: reclusione da 2 a 6 anni e multa da € 5164 a € 77468;

casi di minore gravità:
– pena unica: reclusione da 1 anno a 5 anni e multa da € 3000 a € 27000.

11 marzo 2014

Hai bisogno di una consulenza o di assistenza sull’argomento? Chiedi un appuntamento presso il nostro studio utilizzando il modulo che trovi qui.